Ufficio per la Liturgia

Diocesi di Como

By

Domenica «Gaudete»

La terza domenica di Avvento porta con sé un annuncio colmo di gioia: «Rallegratevi sempre nel Signore: ve lo ripeto, rallegratevi, il Signore è vicino» (antifona d’Ingresso). Il tema della gioia pervade tutta la liturgia di Avvento, e risuona in modo particolare in questa domenica, chiamata appunto domenica Gaudete.

Sono molti i gesti e le parole che nella liturgia annunciano la gioia, in particolare il saluto liturgico.

La gioia nei dialoghi

Gaudete!Il saluto all’inizio della celebrazione liturgica attinge le sue espressioni nella Sacra Scrittura, e annuncia la presenza del Signore in mezzo a noi. Questo saluto, che il presbitero dona alla comunità radunata, con voce gioiosa e con le braccia allargate, ci invita all’accoglienza vicendevole e, in cambio, riceviamo in dono l’annuncio del compimento di ogni promessa, la presenza del Signore in mezzo a noi:

Il Dio della speranza, che ci riempie di ogni gioia e pace nella fede per la potenza dello Spirito Santo, sia con tutti voi.

A questo punto la comunità cristiana risponde: «E con il tuo spirito!».

Il dono ricevuto viene, con questa espressione, ricambiato. È questo il compito di ogni saluto: aprirsi vicendevolmente all’accoglienza di un dono che viene da Dio e che insieme riconosciamo come fonte di gioia. Il tema della gioia viene sottolineato anche nell’inno del Sanctus (insieme agli angeli e ai santi, esultanti cantiamo…) e al termine della liturgia: «La gioia del Signore sia la vostra forza. Andate in pace; oppure: Andate e portate a tutti la gioia del Signore Risorto» (congedo).

La gioia nel colore

Per antica tradizione in questa domenica è possibile indossare i paramenti rosacei. Nella terza domenica di Avvento, come nella quarta di Quaresima (Laetare), la Chiesa adotta parametri di colore rosaceo (cfr. Messale Romano, Ordinamento generale del Messale Romano, n. 346). Il viola trascolora nel rosa e si rischiara di speranza poiché presto sorgerà un nuovo sole di giustizia: Cristo Gesù Salvatore.

La gioia nel canto

Il tema della gioia di questa domenica viene sottolineato anche dal canto, in particolare invitiamo a curare tutte le acclamazioni previste dal rito (Mistero della fede, Amen della dossologia alla preghiera eucaristica). Un’attenzione particolare potrebbe essere data all’acclamazione alleluiatica e al ritornello del salmo responsoriale.

Queste e altre indicazioni celebrative sono riportate nella pagina dei sussidi per le celebrazioni Avvento – Anno A.